Acne

L’acne consiste in un disturbo della pelle che causa la presenza di numerosi brufoli specialmente sul viso e sulla schiena. Disturbo tipicamente adolescenziale, si tratta di una malattia della pelle. I brufoli si formano quando i follicoli dei peli sottocutanei si riempiono di troppo sebo.

La malattia è più frequente fra gli adolescenti ed i giovani adulti, sembra che colpisca circa l’80% delle persone fra 11 e 30 anni.

Non è una malattia grave, ma se si fa l’errore di toccare i brufoli possono restare delle cicatrici sul viso.

Perchè si forma l’acne?

L’acne non ha solamente una causa, ma diverse e dei fattori di rischio, e si struttura in quattro fasi. La prima è l’alterazione dei recettori ormonali, per cui i recettori delle ghiandole sebacee assorbono in quota maggiore gli ormoni. Poi l’altra fase è l’iperincrezione ormonale, cioè più ormoni che agiscono sullo stesso follicolo; segue la produzione di un tappo di sebo, che chiude il follicolo, e di conseguenza un’infiammazione a causa di un microrganismo che si chiama p. acnes.

Le fasi dell’acne sono scatenate innanzitutto da cause congenite, da squilibri ormonali, soprattutto nelle donne, e da una sorta di atteggiamenti errati.

Ci sono infatti numerosi comportamenti sbagliati e non igienici che gli adolescenti pongono in essere e che possono scatenare l’acne nella persona predisposta, o comunque peggiorarlo.

L’utilizzo di cosmetici non appropriati, che impediscono alla pelle di respirare, come quelli che contengono olii, è uno di questi, così come l’uso di prodotti che aggrediscono la pelle ed il Ph; l’esposizione ai raggi del sole o le lampade abbronzanti; lo stress, che libera i neuromediatori dello stress peggiorando la situazione.

 


Articoli correlati:

 Altre cause dell’acne

Le variazioni ormonali sono sicuramente una delle principali cause dell’acne nell’adolescente.

Anche la presenza di un ambiente inquinato e umido può favorire la comparsa dell’acne. Il continuo strofinamento della pelle può agevolare la malattia, così come la manipolazione dei brufoli esistenti. In generale sarebbe ottimale lasciare riposare la pelle per potersi liberare velocemente dell’acne, ed eventualmente seguire la terapia prescritta dal medico.

Spesso c’è abbastanza ignoranza sulle vere cause dell’acne e si sentono dei miti abbastanza diffusi, come il fatto che i cibi grassi e il cioccolato possano causare questo effetto sulla pelle, o che l’acne sia una conseguenza di una scarsa igiene della faccia; o ancora, che sia lo stress a far nascere l’acne (quando invece può favorirne il peggioramento) o che la masturbazione o l’attività sessuale in qualche modo siano correlati al suo sorgere. Inoltre spesso si crede che l’acne sia contagiosa, ma non è così.

Leggi anche: l’acne rosacea, cause e rimedi