Acne rosacea

L’acne rosacea è una patologia della pelle che si presenta con guance arrossate, capillari dilatati ed una ipersensibilità eccessiva delle pelle. Il nome “rosacea”, si deve al colore rosa che compare sulla pelle e presenta un problema antiestetico per moltissime persone.

Acne rosacea, che cos’è

L’acne rosacea, chiamata comunemente couperose è un’infiammazione cronica della pelle, che si manifesta in zone come guance, mento, zona centrale della fronte e naso. Porta la pelle a diventare estremamente sensibile, anche al solo tatto. Nelle forme più gravi, possono comparire e persistere delle vere e proprie lesioni cutanee che si possono associare all’infiammazione dovuta all’acne.

Questa infiammazione è causata da molteplici fattori, che possono essere anche riconducibili ad un batterio responsabile dell’ulcera gastrica o ancora a delle reazioni allergiche alla polvere. Le donne sono molto più inclini a questo tipo di infiammazione, a causa degli ormoni che variano il sistema sanguigno, durante il ciclo mestruale – gravidanza e menopausa.

L’alimentazione ha, come sempre, un ruolo fondamentale per contrastare la rosacea, infatti molti studi scientifici hanno dimostrato che i cibi speziati ed i super alcolici, possono favorire l’infiammazione e la peggiorino strada facendo. Non meno importate sono le alterazioni della temperatura atmosferica: infatti se la pelle è sottoposta ad uno stress dovuto a caldo e freddo continuo, questo favorirà notevolmente l’insorgere della rosacea.

Individuata la causa scatenante è necessario adottare uno stile di vita sano, con una detersione mirata con l’ausilio di prodotti naturali ed antinfiammatori, alimentazione sana e utilizzo di cosmetici a basso contenuto di oli ed allergeni (preferire i bio).

L’acne rosacea, i rimedi

Per questo tipo di infiammazione sono consigliati, nella maggior parte dei casi, i rimedi di tipo naturale, in quanto non è stato fatto molto in campo medico. Per adottare dei rimedi farmacologici, ci si deve rivolgere al proprio medico o al dermatologo di fiducia che andrà ad individuare, dei farmaci che potranno migliorare l’aspetto della pelle ma non ne favoriranno la guarigione.

Alcuni dei farmaci, che potrebbero essere prescritti sono:

  • Antibiotici: non per via orale, ma per via topica: creme da applicare almeno due volte al giorno, con controllo mensile da parte del medico
  • Cortisone: non per via orale, ma per via topica: creme con applicazione di una volta al giorno, sempre sotto il controllo del medico
  • Antistaminico: via orale o via topica. In questo caso si andrà a lenire le parti infiammate e fermare il fastidio provocato dall’infiammazione. Sempre sotto controllo del medico curante.

I rimedi naturali, più conosciuti ed utilizzati, sono:

  • Calendula, camomilla e malva: scegliere prodotti naturali a base di questi tre elementi naturali, che regalano molti benefici tra cui un’azione antinfiammatoria, depurativa e calmante.
  • Olio di mandorle dolci: svolge un’azione di ricostruzione della pelle, agendo in profondità.
  • Tè verde: antiossidante ed antinfiammatorio, svolge una doppia azione, interna  – grazie alle tisane, da bere due volte al giorno – ed esterna – applicandolo, con l’ausilio di un batuffolo di cotone, su tutta la parte infiammata-.